Servizi Demografici

Recapiti
Telefono: 035863180 / 1
Orari di apertura
Orari di Apertura:  
Lunedì

dalle ore 09.00 alle 12.00

Martedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00
Mercoledì  dalle ore 09.00 alle 12.00
Giovedì

dalle ore 09.00 alle 12.00

Venerdì

dalle ore 09.00 alle 12.00

dalle ore 14.00 alle 16.00

Sabato

dalle ore 09.00 alle 11.30

 

Servizi/Competenze

Servizio Anagrafe

Indice

Certificati
Autocertificazione
Dichiarazione sostitutiva dell'atto notorio
Autenticazione di firme copie conformi e legalizzazioni di fotografie
Raccolta firme a domicilio
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Passaporto
Certificato di espatrio per minori
Cambio di abitazione all’interno del Comune
Dichiarazione di residenza cittadino italiano
Dichiarazione di residenza cittadino comunitario
Dichiarazione di residenza cittadino extracomunitario

Certificati

Sono i certificati rilasciati ai residenti, in marca da bollo o in carta libera solo se l’uso per il quale viene
richiesto il certificato rientra tra quelli esenti da imposta.
I certificati sono:
- di residenza;
- di stato di famiglia;
- di stato libero;
- di cittadinanza;
- esistenza in vita;
- godimento dei diritti politici.

Tutti i certificati possono essere sostituiti dall’autocertificazione. I certificati anagrafici hanno validità di sei mesi dalla data del rilascio; se allo scadere dei sei mesi le informazioni in essi contenute non sono variate, gli interessati potranno dichiararlo in fondo al certificato stesso. I certificati contenenti dati non soggetti a modificazioni hanno validità illimitata.

MODALITA’ TEMPI E COSTI
Può farne richiesta chiunque ne abbia interesse esibendo un documento di identità valido e conosca i dati anagrafici della persona cui si riferisce il certificato, il rilascio è generalmente immediato.
Il certificato in carta semplice costa € 0,26, quello in marca da bollo costa € 0,52 oltre al costo della marca da bollo di € 14,62.

Autocertificazione

L’autocertificazione consiste in una dichiarazione fatta dall’interessato che sostituisce a tutti gli effetti e a titolo definitivo i certificati sopra riportati. La dichiarazione sostitutiva deve essere firmata dall’interessato e la firma non deve essere autenticata, neppure quando rivolta a soggetti privati. Chi riceve l’autocertificazione può effettuare controlli sulla veridicità del contenuto della stessa e qualora emergessero dati non corrispondenti a verità il dichiarante decadrà dai benefici ottenuti.
L’autocertificazione può essere effettuata da chiunque sia maggiorenne a favore di tutte le Pubbliche
Amministrazioni e imprese che gestiscono servizi pubblici (Telecom, Enel, ecc.); anche i privati possono accettarla ma non sono obbligati.

L’autocertificazione può essere utilizzata anche per:
- titolo di studio e qualifica professionale;
- situazione reddituale ed economica;
- possesso e numero del codice fiscale, della partita Iva e di informazioni contenute nell’Anagrafe
Tributaria;
- stato di disoccupazione, qualità di pensionato, studente, casalinga, legale rappresentante, tutore, ecc.;
- di non aver riportato condanne penali;
- posizione agli effetti degli obblighi militari;
- iscrizione in albi o elenchi delle Pubbliche Amministrazioni.

Si ricorda che secondo la Legge le Pubbliche Amministrazioni non devono richiedere i documenti che sono in loro possesso; la validità dell’autocertificazione è uguale a quella dei certificati che sostituisce; la mancata accettazione da parte di Pubbliche Amministrazioni o gestori di pubblici servizi, delle autocertificazioni costituisce violazione di dovere d’ufficio.

MODALITA’ TEMPI E COSTI
Esistono moduli prestampati presso gli uffici della Pubblica Amministrazione; in ogni caso basta un normale foglio di carta sul quale vanno scritti i propri dati anagrafici e la dichiarazione sostitutiva della certificazione richiesta.

L’autocertificazione è gratuita; se è contestuale ad un’istanza il costo sarà quello dell’istanza stessa.

Dichiarazione sostitutiva dell'atto notorio

Consiste in una libera dichiarazione con cui il cittadino, maggiorenne, può dichiarare, sotto la propria
responsabilità, di essere a conoscenza di fatti, stati e qualità che lo riguardano o che riguardano altre persone di cui egli abbia diretta conoscenza, da rendere a favore di Pubbliche Amministrazione o di imprese di gestione di pubblici servizi (Telecom, Enel, ecc.).
La sottoscrizione non è soggetta ad autenticazione ove sia apposta in presenza del dipendente addetto a ricevere l’istanza, ovvero la dichiarazione sia presentata unitamente a fotocopia del documento di identità del sottoscrittore; può essere autenticata solo se diretta ad un privato, oppure quando viene presentata ad organi della Pubblica Amministrazione, nonché a gestori di servizi pubblici al fine della riscossione da parte di terzi di benefici economici.

MODALITA’ TEMPI E COSTI
Esistono moduli predisposti presso gli uffici della Pubblica Amministrazione; in ogni caso basta un normale foglio di carta sul quale vanno scritti i propri dati anagrafici e ciò che si deve dichiarare.
L’autentica della sottoscrizione della dichiarazione sostitutiva di atto notorio costa € 0,26, quella in marca da bollo costa € 0,52 oltre al costo della marca da bollo, acquistabile presso l’ufficio comunale, di € 14,62.

Autenticazioni di firme, copie conformi e legalizzazioni di fotografie

L’autenticazione della firma è l’attestazione, da parte di un Pubblico Ufficiale, che la sottoscrizione di un
documento è stata apposta in sua presenza, dopo aver accertato l’identità della persona che appone la propria firma.
Colui che firma deve essere in grado di intendere e di volere ed in possesso di un documento di identità valido.
E’ un servizio rivolto ai cittadini residenti e non, esclusivamente per atti da produrre ad organi della Pubblica Amministrazione per i quali è espressamente prevista l’autenticazione.
L’autenticazione delle copie di atti è l’attestazione da parte di un Pubblico Ufficiale che le stesse sono conformi all’originale. Non possono essere fatte copie autentiche da documenti diversi dagli originali.
La legalizzazione delle fotografie è l’attestazione, da parte di un Pubblico Ufficiale, che la foto riproduce
l’immagine della persona che ha davanti della quale ha prima verificato l’identità.

MODALITA’ TEMPI E COSTI
La persona interessata deve presentarsi sempre munita di documento di riconoscimento valido e con:
- per autenticare la firma: l’istanza o la dichiarazione da sottoscrivere;
- per autenticare una copia: documento originale e fotocopia da autenticare;
- per legalizzare una fotografia: una foto formato tessera.
La legalizzazione di fotografia costa € 0,26; l’autenticazione di sottoscrizione o di copie costa € 0,26, quella in
marca da bollo costa € 0,52 oltre al costo della marca da bollo, acquistabile presso l’ufficio comunale, di € 14,62.

Raccolta firme a domicilio

E’ un servizio erogato a favore di coloro che, a causa di infermità fisica, temporanea o permanente, siano impossibilitati a recarsi personalmente presso gli Uffici Comunali per l’autenticazione delle sottoscrizioni o per la richiesta di rilascio della carta d’identità.
L’interessato, o i famigliari dello stesso, possono avvalersi dell’intervento a domicilio, inviando apposita
istanza menzionando le cause dell’impedimento.
Il servizio è gratuito.

Carta di Identità Elettronica (CIE)

A partire dal mese di agosto 2018 il Comune di Strozza rilascia la carta identità elettronica, CIE: non occorre appuntamento, basta presentarsi allo sportello dell’ufficio anagrafe nei giorni ed orari di apertura al pubblico e precisamente: da lunedì a venerdì dalle ore 9 , venerdì dalle ore 14 alle ore 16 e sabato dalle ore 9 alle ore 11,30;
Le attuali carte d'identità (sia cartacee che elettroniche) rimangono valide sino alla loro naturale scadenza.
La carta d'identità elettronica (CIE) è stampata su un supporto di policarbonato con sofisticati sistemi anticontraffazione, dotata di un microchip di tipo contactless, potrà essere letta come il passaporto dai sistemi di controllo aeroportuali e potrà servire per ottenere lo SPID (sistema pubblico di identità digitale) per l'accesso ai servizi on-line della Pubblica Amministrazione.
La validità della CIE è di 10 anni con le seguenti eccezioni:
- per i minori di età inferiore a 3 anni: validità 3 anni;
- per i minori di età compresa fra 3 e 18 anni: validità 5 anni.

Quando si rinnova

  • Alla scadenza: a partire dal 180° giorno prima della scadenza
  • Per smarrimento o furto: occorre fare la denuncia presso la Questura o i Carabinieri conoscendo il numero del documento, ( eventuale fotocopia in possesso del denunciante oppure può essere richiesto il rilascio all’ufficio Anagrafe del Comune di Strozza);
  • Per deterioramento: portare all'anagrafe la carta d’identità deteriorata, oltre alla documentazione richiesta per il rilascio e compilando apposito modello
  • Per cambiamento dei seguenti dati personali: nome, cognome, data e luogo di nascita, acquisizione della cittadinanza italiana

Al momento della richiesta saranno acquisite le impronte digitali e si potrà dichiarare il consenso od il diniego alla donazione di organi e tessuti.

Inoltre dovrà essere indicato a quale indirizzo si desidera ricevere il documento; infatti la CIE viene rilasciata dal Ministero degli Interni, stampata dall'Istituto Poligrafico dello Stato e spedita entro 6 giorni lavorativi dalla data di emissione, quindi non viene più rilasciata immediatamente dall'Ufficio anagrafe come per la carta d'identità cartacea.
Se il cittadino ha richiesto la consegna presso la sua abitazione o il luogo di lavoro e non era presente per ritirare il documento, troverà nella cassetta delle lettere l'avviso di giacenza.
La carta d'identità valida per l'espatrio può essere rilasciata solo ai cittadini italiani; per i minori di 14 anni, può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o di chi ne fa le veci.
La carta d'identità non perde la sua validità se il cittadino ha cambiato indirizzo o residenza e, pertanto, non può essere richiesto un nuovo rilascio.
Impossibilità del cittadino a presentarsi allo sportello per malattia grave o altre motivazioni (reclusione, ecc.): un suo delegato dovrà recarsi in Comune con la documentazione attestante l'impossibilità a presentarsi allo sportello. Il delegato dovrà fornire la carta d'identità del titolare o un altro suo documento di riconoscimento, la fotografia e indicare l'indirizzo di spedizione della CIE e concordare l'appuntamento al domicilio del titolare per completare la procedura.

Documentazione necessaria
1 fotografia formato tessera, recente, a capo scoperto (consultare il sito della Polizia di Stato per le caratteristiche https://www.poliziadistato.it/statics.it/10/fotografia_passaporto_web.pdf);
• carta d’Identità ancora valida (se esiste), che va sempre riconsegnata all’ufficio
• un documento di riconoscimento in corso di validità.
• se l’interessato non possiede documenti, occorre la presenza di 2 testimoni maggiorenni, anche parenti del richiedente, che abbiano un documento di riconoscimento valido
• In caso di furto o smarrimento, copia e relativa fotocopia della denuncia presentata all’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Costo
Euro 22,00
per il rilascio di una nuova carta d'identità elettronica;
Euro 27,00 per il rilascio di una nuova carta d'identità elettronica in caso di furto e deterioramento.

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’ufficio anagrafe del Comune di Strozza al seguente n. di telefono: 035/86.31.80 int.1 responsabile ufficiale d’anagrafe Sig.ra Capelli Ave.

Passaporto

Dall'11 gennaio 2016 la Questura di Bergamo e il Commissariato di P.S. di Treviglio hanno cambiato la modalità di ricezione dei documenti per il rilascio del passaporto, adottando integralmente il servizio online "Agenda passaporto".

In questo allegato è disponibile un comunicato che illustra le nuove modalità.

Forniamo i seguenti link utili:

MODALITA’ TEMPI E COSTI
Per il rilascio del passaporto l’interessato deve presentarsi presso gli uffici comunali per compilare il modello di richiesta, munito di:
- fotocopia del documento d’identità (preferibilmente la carta d’identità);
- ricevuta di versamento di € 44,66 (per libretto da 32 pagine) sul c/c postale n. 67422808 intestato al
MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – Dipartimento del Tesoro con causale
“Importo per rilascio passaporto elettronico”;
- n. 2 fototessere per passaporti;
- n. 1 marca amministrativa per passaporto da € 40,29;
- eventuale passaporto scaduto;
- firma dell’altro genitore (munito di documento d’identità) in presenza di figli minori.
L’Ufficio anagrafe provvederà a inoltrare la pratica alla Questura di Bergamo; è comunque possibile rivolgersi direttamente alla Questura - Ufficio Passaporti (via Noli n.1 tel. n. 035/276111).
I tempi di riconsegna dalla Questura al Comune, sono di circa 50/60 giorni dalla data di trasmissione.

Certificato di espatrio per minori

E’ un documento di riconoscimento personale per i minori di 15 anni, valido per 5 anni (o comunque fino al compimento del 15° anno).

MODALITA’ TEMPI E COSTI
I genitori del minore devono presentarsi allo sportello anagrafe muniti di una fotografia del minore, e i loro documenti di riconoscimento.
Il rilascio è gratuito.
L’Ufficio anagrafe provvederà a inoltrare la pratica alla Questura di Bergamo; è comunque possibile rivolgersi direttamente alla Questura - Ufficio Passaporti (Via Noli n.1 tel. n. 035/276111).
I tempi di riconsegna dalla Questura al Comune, sono di circa 30/40 giorni dalla data di trasmissione.

Cambio di abitazione all’interno del Comune

Descrizione Procedimento
Chi è già residente nel Comune di Strozza e si trasferisce in un'altra abitazione all’interno del Comune, deve dichiarare il nuovo indirizzo entro 20 giorni dall’avvenuto trasferimento utilizzando il modello allegato. In caso di dichiarazioni mendaci il dichiarante sarà denunciato alle competenti Autorità per le responsabilità penali.
Chi richiede il cambio di indirizzo deve compilare chiaramente ed in modo completo tutti i campi del modello. In caso contrario la domanda non sarà accolta.
In caso di coabitazione, va indicato il nominativo di chi già occupa l’appartamento, al quale il Comune trasmetterà una comunicazione di avvio di procedimento della richiesta di residenza presso la sua abitazione.
La dichiarazione può essere resa da qualunque componente maggiorenne del nucleo familiare e può essere fatta:

  1. presentandosi di persona all'Ufficio Anagrafe
  2. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione via fax al n. 035 - 863334 ed allegando copia di un documento di riconoscimento)
  3. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione per posta raccomandata (allegando copia di un documento di riconoscimento)
  4. trasmettendo la dichiarazione e la relativa documentazione per via telematica al seguente indirizzo: comune.strozza@pec.regione.lombardia.it;

La trasmissione telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni:

  • che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  • che l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
  • che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del richiedente;
  • che la copia della dichiarazione recante la firma autografa del richiedente sia acquisita mediante scanner e trasmessa tramite posta elettronica semplice.

Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento di identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.
Il richiedente deve compilare il modulo per sé e per le persone sulle quali esercita la potestà o la tutela.
La dichiarazione di cambio di abitazione decorre dalla data di presentazione della dichiarazione stessa. Entro i due giorni lavorativi successivi il richiedente potrà ottenere il certificato di residenza o lo stato di famiglia.
Dalla data della dichiarazione il cittadino può comunque usufruire dell’autocertificazione.
Il Comune entro i 45 giorni dalla dichiarazione verifica i requisiti per la residenza e quindi accerta l’effettivo trasferimento di residenza all’indirizzo dichiarato. Trascorso tale termine senza che siano pervenute comunicazioni negative da parte dell’ufficio anagrafe, quanto dichiarato dal cittadino è considerato conforme alla situazione di fatto (silenzio-assenso).
In caso di accertamento negativo per l’interessato sarà ripristinato il vecchio indirizzo di residenza nel Comune e saranno attivate le procedure per la denuncia alle competenti autorità per le responsabilità penali per dichiarazioni mendaci.
L’ufficio effettuerà la variazione dell’indirizzo sulla patente di guida e sui documenti di circolazione dei veicoli di proprietà.
Il modulo sarà inviato al Ministero dei Trasporti, che entro 180 giorni spedirà al cittadino un tagliando adesivo con il nuovo indirizzo.
Se il nucleo familiare si è trasferito in una abitazione dove sono già presenti un altro nucleo familiare e ci sono rapporti di parentela, affinità, matrimonio o adozione con almeno uno dei componenti del nucleo, la persona o le persone entrano automaticamente nello stesso stato di famiglia.
In seguito al trasferimento di residenza, in occasione della prima revisione elettorale utile, d’ufficio si procederà all’iscrizione nelle liste elettorali ed il cittadino riceverà la nuova tessera elettorale.
Contestualmente alla richiesta di cambio di abitazione è necessario che il cittadino regolarizzi la sua posizione rispetto all’occupazione dei locali per la tassa rifiuti solidi urbani (TARSU) (vedi apposita scheda).
 

Requisiti
La dichiarazione va presentata da un componente maggiorenne della famiglia che si è trasferita. Se nel nucleo familiare c’è un minorenne il dichiarante deve essere titolare della potestà genitoriale.

Documentazione Necessaria
Un documento di riconoscimento in corso di validità, per i cittadini extracomunitari è necessario il passaporto;
Dichiarazione riguardante il trasferimento
Se il nucleo familiare si è trasferito in un’abitazione dove è già presente un altro nucleo familiare e ci sono rapporti di parentela, affinità, coniugio, adozione o vincoli affettivi con almeno uno dei componenti del nucleo, la persona o le persone entrano automaticamente nello stesso stato di famiglia.
Per i cittadini extracomunitari è necessaria l’esibizione del permesso di soggiorno di tutti i componenti il nucleo familiare.
Se il permesso di soggiorno è scaduto è necessario presentarlo insieme alla ricevuta di rinnovo. Senza di questi documenti non si può ottenere quanto richiesto (legge 15/07/2009 n. 94).
I cittadini comunitari devono presentare un documento di riconoscimento e la documentazione prevista dalla normativa a seconda del titolo in base al quale effettuano la richiesta (lavoro subordinato o autonomo, motivo di studio, ricongiungimento familiare)
I dati relativi alla patente ed alle targhe dei veicoli intestati alle persone che trasferiscono la residenza.

Dichiarazione di residenza – cittadini italiani

Descrizione Procedimento
I cittadini italiani che trasferiscono la loro residenza a Strozza (Bg) devono darne comunicazione al Comune stesso – Ufficio Anagrafe – utilizzando l’apposito modulo ministeriale entro venti giorni dall’effettivo trasferimento.
Chi richiede il cambio di indirizzo deve compilare chiaramente ed in modo completo tutti i campi del modello. In caso contrario la domanda non sarà accolta.
In caso di coabitazione, va indicato il nominativo di chi già occupa l’appartamento, al quale il Comune trasmetterà una comunicazione di avvio di procedimento della richiesta di residenza presso la sua abitazione.
La dichiarazione può essere resa da qualunque componente maggiorenne del nucleo familiare e può essere fatta:

  1. presentandosi di persona all'Ufficio Anagrafe;
  2. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione via fax al n. 035 - 863334 ed allegando copia di un documento di riconoscimento)
  3. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione per posta raccomandata (allegando copia di un documento di riconoscimento)
  4. trasmettendo la dichiarazione e la relativa documentazione per via telematica al seguente indirizzo: comune.strozza@pec.regione.lombardia.it

La trasmissione telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni:

  • che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  • che l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
  • che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del richiedente;
  • che la copia della dichiarazione recante la firma autografa del richiedente sia acquisita mediante scanner e trasmessa tramite posta elettronica semplice.

Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento di identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.
Il richiedente deve compilare il modulo per sé e per le persone sulle quali esercita la potestà o la tutela.
La dichiarazione di cambio di abitazione decorre dalla data di presentazione della dichiarazione stessa. Entro i due giorni lavorativi successivi il richiedente potrà ottenere il certificato di residenza o lo stato di famiglia.
Dalla data della dichiarazione il cittadino può comunque usufruire dell’autocertificazione.
Il Comune entro i 45 giorni dalla dichiarazione verifica i requisiti per la residenza e quindi accerta l’effettivo trasferimento di residenza all’indirizzo dichiarato. Trascorso tale termine senza che siano pervenute comunicazioni negative da parte dell’ufficio anagrafe, quanto dichiarato dal cittadino è considerato conforme alla situazione di fatto (silenzio-assenso).
In caso di accertamento negativo per l’interessato sarà ripristinato il vecchio indirizzo di residenza nel Comune e saranno attivate le procedure per la denuncia alle competenti Autorità per le responsabilità penali per dichiarazioni mendaci.
L’ufficio effettuerà la variazione dell’indirizzo sulla patente di guida e sui documenti di circolazione dei veicoli di proprietà.
Il modulo sarà inviato al Ministero dei Trasporti, che entro 180 giorni spedirà al cittadino un tagliando adesivo con il nuovo indirizzo.
Se il nucleo familiare si è trasferito in una abitazione dove sono già presente un altro nucleo familiare e ci sono rapporti di parentela, affinità, coniugio ,adozione o vincoli affettivi con almeno uno dei componenti del nucleo, la persona o le persone entrano automaticamente nello stesso stato di famiglia.
In seguito al trasferimento di residenza, in occasione della prima revisione elettorale utile, d’ufficio si procederà all’iscrizione nelle liste elettorali ed il cittadino riceverà la nuova tessera elettorale.
Contestualmente alla richiesta di cambio di abitazione è necessario che il cittadino regolarizzi la sua posizione rispetto all’occupazione dei locali per la tassa rifiuti solidi urbani (TARSU) (vedi apposita scheda).


Requisiti
Avere trasferito la propria residenza a Strozza (dimora abituale data dall’art.43 del c.c.); La dichiarazione può essere effettuata da un componente qualsiasi del nucleo familiare, purché maggiorenne.

Documentazione Necessaria

  • carta d’identità o altro valido documento d’identità equipollente
  • codice fiscale
  • patente di guida e carta di circolazione dei veicoli di proprietà.

Dichiarazione di residenza

Iscrizione cittadino comunitario

Descrizione Procedimento
I cittadini comunitari che trasferiscono la loro residenza a Strozza (Bg) devono darne comunicazione al Comune stesso – Ufficio Anagrafe – utilizzando l’apposito modulo entro venti giorni dall’effettivo trasferimento.
Chi richiede il cambio di indirizzo deve compilare chiaramente ed in modo completo tutti i campi del modello. In caso contrario la domanda non sarà accolta.
In caso di coabitazione, va indicato il nominativo di chi già occupa l’appartamento, al quale il Comune trasmetterà una comunicazione di avvio di procedimento della richiesta di residenza presso la sua abitazione.
La dichiarazione può essere resa da qualunque componente maggiorenne del nucleo familiare e può essere fatta:

  1. presentandosi di persona all'Ufficio Anagrafe;
  2. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione via fax al n. 035- 863334 ed allegando copia di un documento di riconoscimento)
  3. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione per posta raccomandata (allegando copia di un documento di riconoscimento)
  4. trasmettendo la dichiarazione e la relativa documentazione per via telematica al seguente indirizzo: comune.strozza@pec.regione.lombardia.it

La trasmissione telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni:

  • che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  • che l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
  • che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del richiedente;
  • che la copia della dichiarazione recante la firma autografa del richiedente sia acquisita mediante scanner e trasmessa tramite posta elettronica semplice.

Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento di identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.
Il richiedente deve compilare il modulo ministeriale per sé e per le persone sulle quali esercita la potestà o la tutela.
La dichiarazione di cambio di abitazione decorre dalla data di presentazione della dichiarazione stessa. Entro i due giorni lavorativi successivi il richiedente potrà ottenere il certificato di residenza o lo stato di famiglia.
Dalla data della dichiarazione il cittadino può comunque usufruire dell’autocertificazione.
Il Comune entro i 45 giorni dalla dichiarazione verifica i requisiti per la residenza e quindi accerta l’effettivo trasferimento di residenza all’indirizzo dichiarato. Trascorso tale termine senza che siano pervenute comunicazioni negative da parte dell’ufficio anagrafe, quanto dichiarato dal cittadino è considerato conforme alla situazione di fatto (silenzio-assenso).
In caso di accertamento negativo per l’interessato sarà ripristinato il vecchio indirizzo di residenza nel Comune e saranno attivate le procedure per la denuncia alle competenti autorità per le responsabilità penali per dichiarazioni mendaci.
L’ufficio effettuerà la variazione dell’indirizzo sulla patente di guida e sui documenti di circolazione dei veicoli di proprietà.
Il modulo sarà inviato al Ministero dei Trasporti, che entro 180 giorni spedirà al cittadino un tagliando adesivo con il nuovo indirizzo.
Se il nucleo familiare si è trasferito in una abitazione dove sono già presente un altro nucleo familiare e ci sono rapporti di parentela, affinità, coniugio, adozione o vincoli affettivi con almeno uno dei componenti del nucleo, la persona o le persone entrano automaticamente nello stesso stato di famiglia.
In seguito al trasferimento di residenza, in occasione della prima revisione elettorale utile, d’ufficio si procederà all’iscrizione nelle liste elettorali ed il cittadino riceverà la nuova tessera elettorale.
Contestualmente alla richiesta di cambio di abitazione è necessario che il cittadino regolarizzi la sua posizione rispetto all’occupazione dei locali per la tassa rifiuti solidi urbani (TARSU) (vedi apposita scheda).

Requisiti
Avere trasferito la propria residenza a Strozza (Bg).
La dichiarazione può essere effettuata da un componente qualsiasi del nucleo familiare, purché maggiorenne.
Per iscriversi all’Anagrafe occorre avere un titolo di soggiorno autonomo, cioè esercitare un’attività lavorativa, oppure seguire un corso di studio o di formazione professionale, oppure disporre di risorse economiche sufficienti per rimanere in Italia, oltre che di un’assicurazione sanitaria. Sono equiparati ai cittadini dell’Unione i cittadini di Svizzera, Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Repubblica di San Marino.

  1. documento di riconoscimento in corso di validità (prima della conclusione del procedimento bisognerà presentare il passaporto o altro documento equipollente)
  2. Attestazione di soggiorno permanente (rilasciata da altro Comune), oppure attestazione di iscrizione anagrafica (rilasciata da altro Comune) per sé e per i propri familiari.

Chi non è in possesso della documentazione di cui al punto 2 dovrà dimostrare di:

  1. essere titolare di soggiorno autonomo, cioè esercitare un’attività lavorativa, oppure seguire un corso di studi o di formazione professionale, oppure disporre di risorse economiche sufficienti per rimanere in Italia, oltre che di un’assicurazione sanitaria.
  2. essere familiare di una persona che ha titolo di soggiorno autonomo. Per familiare si intende:
  • il coniuge
  • i discendenti diretti, ovvero i figli ed i nipoti (di età inferiore ai 21 anni o a carico) propri o del coniuge
  • gli ascendenti diretti a carico del titolare di soggiorno autonomo e quelli del coniuge (genitori e nonni).

Prima della conclusione del procedimento dovrà quindi presentare i seguenti documenti/dichiarazioni:
A) Cittadini europei che hanno titolo di soggiorno autonomo
se presenti per lavoro: documentazione attestante l’attività lavorativa esercitata
se presenti per studio o formazione professionale: documentazione attestante l’iscrizione scolastica presso un istituto pubblico o privato riconosciuto, oppure la frequenza di un corso di formazione professionale; - documentazione attestante la titolarità di una polizza di assicurazione sanitaria di durata pari ad almeno un anno o almeno pari alla durata del corso di studio o formazione professionale, oppure, in alternativa, formulari E106, E120, E121 (o E33), E109 (o E37); - dichiarazione riguardante la disponibilità di risorse economiche sufficienti.
Se cittadini che non lavorano e non studiano: dichiarazione di disponibilità di risorse economiche sufficienti al soggiorno per sé ed i propri familiari; - documentazione attestante la titolarità di una polizza di assicurazione sanitaria di durata pari ad almeno un anno, oppure in alternativa, formulari E106, E120, E121 (o E33), E109 (o E37).
Per il calcolo delle risorse economiche sufficienti si fa riferimento al parametro dell’importo dell’assegno sociale e della pensione sociale.
Tabella esemplificativa:

Limite di reddito

Numero componenti

Euro 5.954,00 annui ( Euro458 ,00 mensili)

Solo richiedente

Euro 11.908,00 annui

1 familiare


B) Familiari di cittadinanza comunitaria

  • Passaporto o documento equipollente (carta di identità);
  • documento che attesti la qualità di familiare (coniuge, discendenti diretti e quelli del coniuge di età inferiore ai 21 anni o a carico, gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge);
  • dichiarazione di vivenza a carico;
  • se familiare di cittadino UE non lavoratore documentazione attestante la titolarità di una polizza di assicurazione sanitaria di durata pari ad almeno un anno, oppure, in alternativa, formulari E106, E120, E121 (o E133), E109 (o E37);
  • attestazione di iscrizione anagrafica del cittadino UE con titolo di soggiorno autonomo

C) Familiari di cittadinanza extracomunitaria

  • Passaporto;
  • carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell’Unione Europea rilasciata dalla Questura, oppure ricevuta della richiesta (il perfezionamento del procedimento di iscrizione avverrà dopo l’esibizione all’ufficio della Carta di Soggiorno);
  • documento che attesti la qualità di familiare;
  • dichiarazione di vivenza a carico se richiesta

Al momento della richiesta di iscrizione l’Ufficio rilascia un’attestazione di ricevuta contenente il nome, il cognome, l’indirizzo dichiarato e la data di presentazione della domanda.
Al termine del procedimento verrà rilasciata una attestazione di iscrizione anagrafica.
Il genitore comunitario di minore italiano può avere l’attestazione di iscrizione anagrafica semplicemente documentando di essere genitore.

Iscrizione cittadino extracomunitario

Descrizione Procedimento
I cittadini extracomunitari che trasferiscono la loro residenza a Strozza devono darne comunicazione al Comune di stesso – Ufficio Anagrafe – utilizzando l’apposito modulo entro venti giorni dall’effettivo trasferimento.
Chi richiede il cambio di indirizzo deve compilare chiaramente ed in modo completo tutti i campi del modello. In caso contrario la domanda non sarà accolta.
In caso di coabitazione, va indicato il nominativo di chi già occupa l’appartamento, al quale il Comune trasmetterà una comunicazione di avvio di procedimento della richiesta di residenza presso la sua abitazione.
La dichiarazione può essere resa da qualunque componente maggiorenne del nucleo familiare e può essere fatta:

  1. presentandosi di persona all'Ufficio
  2. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione via fax al n. 035 - 863334 ed allegando copia di un documento di riconoscimento)
  3. inviando la dichiarazione e la relativa documentazione per posta raccomandata (allegando copia di un documento di riconoscimento)
  4. trasmettendo la dichiarazione e la relativa documentazione per via telematica al seguente indirizzo: comune.strozza@pec.regione.lombardia.it

La trasmissione telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni:

  • che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  • che l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
  • che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del richiedente;
  • che la copia della dichiarazione recante la firma autografa del richiedente sia acquisita mediante scanner e trasmessa tramite posta elettronica semplice.

Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento di identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.
Il richiedente deve compilare il modulo per sé e per le persone sulle quali esercita la potestà o la tutela.
La dichiarazione di cambio di abitazione decorre dalla data di presentazione della dichiarazione stessa. Entro i due giorni lavorativi successivi il richiedente potrà ottenere il certificato di residenza o lo stato di famiglia.
Dalla data della dichiarazione il cittadino può comunque usufruire dell’autocertificazione.
Il Comune entro i 45 giorni dalla dichiarazione verifica i requisiti per la residenza e quindi accerta l’effettivo trasferimento di residenza all’indirizzo dichiarato. Trascorso tale termine senza che siano pervenute comunicazioni negative da parte dell’ufficio anagrafe, quanto dichiarato dal cittadino è considerato conforme alla situazione di fatto (silenzio-assenso).
In caso di accertamento negativo per l’interessato sarà ripristinato il vecchio indirizzo di residenza nel Comune e saranno attivate le procedure per la denuncia alle competenti Autorità per le responsabilità penali per dichiarazioni mendaci.
L’ufficio effettuerà la variazione dell’indirizzo sulla patente di guida e sui documenti di circolazione dei veicoli di proprietà.
Il modulo sarà inviato al Ministero dei Trasporti, che entro 180 giorni spedirà al cittadino un tagliando adesivo con il nuovo indirizzo.
Se il nucleo familiare si è trasferito in una abitazione dove sono già presente un altro nucleo familiare e ci sono rapporti di parentela, affinità, matrimonio o adozione con almeno uno dei componenti del nucleo, la persona o le persone entrano automaticamente nello stesso stato di famiglia.
Contestualmente alla richiesta di cambio di abitazione è necessario che il cittadino regolarizzi la sua posizione rispetto all’occupazione dei locali per la tassa rifiuti solidi urbani (TARSU) (vedi apposita scheda).

Requisiti
Avere trasferito la propria residenza a Strozza. La dichiarazione può essere effettuata da un componente qualsiasi del nucleo familiare, purché maggiorenne.

Documentazione Necessaria

  1. passaporto
  2. per tutti i componenti della famiglia: permesso di soggiorno (o carta di soggiorno) oppure fotocopia del permesso scaduto e ricevuta della richiesta di rinnovo presentata nei termini di legge (per chi proviene dall’estero o risulta già cancellato per irreperibilità la richiesta di rinnovo deve essere presentata entro i 60 giorni successivi alla scadenza (legge 15/07/2009 n. 94), oppure, per i lavoratori stranieri, contratto di soggiorno stipulato presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione, ricevuta rilasciata dall’ufficio postale attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di permesso, e domanda di rilascio di permesso di soggiorno per lavoro subordinato dello Sportello Unico oppure, per chi è arrivato con il ricongiungimento familiare, visto d’ingresso, ricevuta rilasciata dall’ufficio postale attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di permesso, e fotocopia del nulla-osta rilasciata dallo Sportello Unico per l’Immigrazione oppure, per coloro che intendono avviare la procedura per il riconoscimento della cittadinanza “jure sanguinis” in quanto discendenti di italiani, dichiarazione di presenza rilasciata in frontiera oppure in Questura (oppure ricevuta di presentazione della domanda di permesso di soggiorno presentata alle Poste).
  3. codice fiscale
  4. se coniugati, certificato di matrimonio tradotto e legalizzato dall’Ambasciata o Consolato italiano all’estero.
  5. per i figli: estratto dell’atto di nascita con l’indicazione di paternità e maternità tradotto e legalizzato dall’Ambasciata o Consolato italiano all’estero.

Moduli correlati all'ufficio